Giulia Ghiretti ambasciatrice dei prodotti tipici parmensi! La campionessa paralimpica, attualmente impegnata nella preparazione per gareggiare alle prossime Paralimpiadi di Tokio 2020, ha parlato in un’intervista su Informacibo del suo amore per i salumi parmensi e dell’amicizia che la lega al brand Amoretti (siamo fornitori ufficiali delle sue merende post allenamento e ne siamo orgogliosi!).

E sul patron del brand, Egidio Amoretti, aggiunge “Lo considero un amico” ha detto l’atleta 25enne “Condividiamo gli stessi valori. Mi fa avere una borsina con i suoi prodotti per i miei spuntini, è venuto a vedermi anche durante alcune gare, ho conosciuto la sua famiglia”.

Si perchè Ghiretti, che si allena in vasca anche 4 ore e mezza al giorno, dopo l’allenamento non si fa mancare un sano spuntino: pane e salume, in piena tradizione parmense.

“Ho concordato con il nutrizionista che è un recupero equilibrato dopo una sessione in acqua. Ogni pasto è importantissimo quando si fa sport: colazione, pranzo, cena, e come in questo caso anche lo spuntino. Soprattutto quando si fanno i doppi allenamenti, mangiare nelle pause è fondamentale per recuperare le energie”.

Purché le materie prime siano buone: da brava parmense, a tavola ama le materie prime semplici e di qualità e i piatti autentici, senza sapori artificiali.

Una cultura per il buon cibo che si è rafforzata anche grazie alla famiglia: “Facciamo quasi tutto  in casa. Quando andavo a scuola niente merendine, ma il panino imbottito che mi preparava mio padre”.

Abbiamo approfittato del suo passaggio tra i Navigli Milanesi per farle una piccola intervista giocosa per conoscerla meglio, dove traspare il suo carattere limpido e vero. 

La potete vedere qui:

Anche se non ama stare davanti ai riflettori (“non amo nemmeno farmi i selfie” ci confida), si presta sempre con gentilezza e disponibilità, sia che le si chieda un’intervista, ma anche per prestare volto e voce a iniziative di solidarietà o eventi dedicati ai giovani o motivatori, come presenza nelle scuole o speech a TEDx.

“Spesso mi viene chiesto di raccontarmi, e a me sembra strano, perchè non mi sembra di fare nulla di speciale, è la mia vita normale. Ma la sento anche come una grande responsabilità e impegno e sono felice se può aiutare altre persone” commenta.

Giulia attualmente è impegnata al 100% nel prepararsi alle prossime paralimpiadi in Giappone. Il suo curriculum conta già numerose medaglie, ma come dice lei stessa, non si guarda mai indietro. Agli ultimi Europei di Dublino ha vinto 3 medaglie Oro nei 50 delfino, argento nei 100 rana e bronzo nei 200 misti.  Nel suo Palmares, si contano poi 1 Record del mondo (50 farfalla S5 in vasca corta), 35 titoli italiani con 4 record italiani in vasca lunga e 2 in vasca corta. 

La medaglia a cui è più affezionata è però un bronzo: il Bronzo 50m Farfalla S5, alle Paralimpiadi Rio de Janeiro nel 2016 “Perchè è arrivato inaspettato, è stata una bellissima sorpresa”.

Giulia Ghiretti, classe 1994, è anche lei una bellissima sorpresa di forza e positività.

La sua storia è nota: da sempre appassionata di sport, arrivata a livelli professionistici nella ginnastica artistica, a gennaio 2010 ha avuto un incidente durante un allenamento di trampolino elastico che le ha causato una lesione alla colonna vertebrale. Questo le ha tolto l’uso delle gambe, ma non il suo modo di essere, la sua voglia di agonismo e di vivere il suo sport. Si è tuffata, letteralmente in piscina. Voleva continuare a fare gare. E nell’acqua ha ritrovato la voglia di competere e di vincere.

La consapevolezza del lavoro di ogni singolo muscolo richiede una capacità di concentrazione che mi è servita per affrontare molte situazioni difficili. Lo sport è stato una rinascita che mi ha permesso di scoprire un nuovo modo di essere e di vivere.

Lo sport è affrontare nel miglior modo possibile ciò che la vita ogni giorno propone.

Giulia Ghiretti

Condividi