Con il mese di luglio inizia il conto alla rovescia per le vacanze estive. Come sopravvivere però ai caldi weekend di questo mese in attesa delle ferie in agosto? L’ideale è sfruttare questo periodo per scoprire i dintorni delle vostre città con estemporanee gite fuori porta: leggere un libro sull’erba, fare una passeggiata in montagna, prendere il sole al lago. E l’immancabile pranzo al sacco. Più pratico rispetto al classico picnic, ha il sapore dell’avventura e dell’escursione, facendoci sentire già in vacanza.

Scegliere il giusto pranzo al sacco è importante per godersi al meglio la gita fuori porta: ogni avventura vuole il suo panino. Ecco quindi una guida per scegliere il giusto pranzo al sacco in base al tipo di escursione che volete fare. 

Potrebbe interessarvi anche: 

Piadine e panciotti per la gita fuori porta al lago 

Quale lago scegliete per la gita fuori porta di questo weekend? Il lago Maggiore, il lago di Garda, il lago di Como? O magari il lago di Molveno o quello dell’Accesa? Il lago è una meta perfetta per una giornata all’insegna del relax, leggendo un libro, prendendo il sole e magari facendo un bagno rinfrescante. Il pranzo al sacco ideale per la gita fuori porta al lago sono piadine e panciotti, in cui una ricca farcitura a base di salumi e formaggi è avvolta da un sottile strato di pane. Non è il caso di appesantirsi in una giornata in cui le attività sono ridotte al minimo: un pranzo leggero è quello che ci vuole.

Il maxi toast per la passeggiata in campagna

Il maxi toast Amoretti si candida a diventare il pranzo più amato dagli escursionisti quest’estate: è abbastanza grosso da soddisfare la nostra fame dopo una passeggiata in campagna di media intensità, non si “ammoscia” durante il trasporto, perché il pane è grigliato in modo particolare e conservato in atmosfera modificata. Inoltre i maxi toast sono fantastici per le merende dei bambini o un pranzo veloce. Dovete solo scegliere se provare cotto ed Edamer o crudo e mozzarella.

Una ciabattina sfiziosa per la giornata al mare

Per una giornata fuori porta al mare, tra bagni, nuotate e partite a racchettoni, ci vuole proprio un pranzo al sacco a base di ciabattine Amoretti, piccoli e croccanti panini monoporzione nelle versioni cotto e salsa provenzale, speck e brie e prosciutto crudo. L’ideale è infatti mangiare qualcosa che permetta di nutrire il corpo e fare il pieno di energie senza appesantire eccessivamente, in modo poter ritornare a nuotare e giocare in tranquillità. 

Un’alternativa alle ciabattine sono le focaccine, morbide e deliziose, perfette anche per la merenda dei bambini a metà mattina

gita-fuori-porta

Il panino per l’escursione in montagna

Infine, se la vostra gita fuori porta prevede l’escursione in montagna, il nostro consiglio è un pranzo al sacco a base di ricchi panini farciti. Non c’è niente di meglio di un panino per ristorarsi e riprendere le energie dopo una lunga camminata stancante. Pane soffice preparato con le migliori farine e farciture studiate per sorprendervi di gusto, come:

  • il Provenzale – pane di mais, salsa provenzale e prosciutto cotto
  • il Rustico – ciabatta al mais e semi di girasole con arista, melanzane grigliate e salsa rubra
  • il Vegetariano – ciabatta ai cereali antichi Waldkorn con melanzane grigliate, pomodorini essiccati e brie
  • il Classico – pane integrale farcito con mozzarella e crudo
  • il Marcello – panino con prosciutto cotto, cipolle caramellate e salsa delicata.
pranzo-al-sacco-gita-fuori-porta-montagna
Condividi